Catalogo

Info Utili

#Like #DiavoloPiccante Click sul bottoncino like per restare sempre aggiornato sulla maturazione dei peperoncini inoltre avrai 5 semi in omaggio sul primo acquisto.

Marketplace: Stiamo proponendo l'eccellenza italiana nel mondo con un marketplace, sei dei nostri? E' Gratis fino a 500€ al mese di vendite. Clicca qui per info:> www.ItalianPrice.com

Condividi su facebook cliccando qui e sblocca il codice sconto SOCIAL10 - 10% di sconto da utilizzare in cassa

Patata

E' uno degli ortaggi più consumati ed utilizzati in cucina: si tratta della patata, tubero appartenente alla famiglia delle solanacee della quale esistono innumerevoli varietà, che per comodità vengono inserite in quattro categorie ben distinte:

  1. Patate novelle, non completamente mature e caratterizzate da una buccia sottile;
  2. Patate a pasta bianca, ideali per preparare purè o gnocchi. Si caratterizzano per una consistenza farinosa;
  3. Patate a pasta gialla, a polpa compatta e perfette per preparare deliziose patatine, fritte o al forno;
  4. Patate a buccia rossa, dalla pasta gialla, utilizzate per la preparazione di crocchette o patate al cartoccio.

Indice

La pianta di patata

Originaria delle Ande, la patata è arrivata in Europa grazie agli Spagnoli. I conquistadores, giunti in Perù nel XVI secolo la importarono nel Vecchio Continente, dapprima ritenendola solo come cibo adatto al bestiame. 

Ci volle il secolo successivo perché il tubero acquistasse una certa rilevanza e moltissimo tempo perché fosse ritenuto un alimento non solo indispensabile alla nostra salute, ma addirittura irrinunciabile. La semina della solanacea può avvenire tramite seme oppure ricorrendo al tubero vero e proprio. Le cure colturali riservate alla patata sono abbastanza semplici; ciò rende il tubero una delle coltivazioni più adottate da agricoltori professionisti e "dilettanti".

Come seminare la patata

Avviare la semina (tramite seme o tubero) delle patate deve tenere conto di diversi fattori: la varietà di patate, ad esempio, ma soprattutto l'area geografica dove si andrà ad avviare la coltivazione del tubero.

In generale, si può sostenere che la semina della patata può essere avviata a partire dalla metà del mese di marzo, quando le temperature si aggirano tra i 12 e i 20 gradi senza mai scendere al di sotto degli 8 gradi. In caso di semina tramite tubero, si parla di moltiplicazione per talee: il tubero può essere interrato per intero o tagliato a metà.

I semi ed i tuberi di patata possono essere seminati sia in vaso che in orto. L'importante è garantire alla solanacea un terreno dal forte potere drenante, ben lavorato con vanga e concimato con letame maturo o stallatico pellettato almeno un mese prima dell'inserimento di semi o tuberi nel suolo.

Come coltivare la patata

Le piante di patate hanno bisogno di spazio per crescere e "fruttare" adeguatamente. Bisogna, dunque, impostare un sesto di impianto composto da file distanti l'una dall'altra 70 cm. Su ogni fila le piante andranno distanziate tra loro 25-30 cm circa.

La coltivazione del tubero non è particolarmente ostica, ma la patata è piuttosto esigente in termini di concimazione: ecco perché è bene arricchire il suolo sin dalla crescita delle piantine giovani con preparati quali: stallatico pellettato, concime naturale a base di borlande (ricco di potassio), farine di roccia e solfato naturale di potassio e magnesio.

Altro lavoro da svolgere con regolarità è il rincalzo della pianta di patata. Si parte con un rincalzo leggero, da effettuare a distanza di due-tre settimane dalla semina e da ripetere dopo un mese. La raccolta dei tuberi potrà essere effettuata quando, toccando la buccia dell'ortaggio, questa non si stacca con facilità. In caso di patate novelle, i tuberi si raccolgono quando la pianta (e non il tubero) è ancora verde.

Quali accorgimenti adottare per la patata

La pianta di patata non va annaffiata eccessivamente, onde evitare che la coltivazione venga attaccata da malattie causate dal ristagno idrico. E' consigliabile, inoltre, avviare l'irrigazione nelle prime ore del mattino, per scongiurare la peronospora (che può insorgere a temperature che si aggirano intorno ai 18 gradi).

Per quanto riguarda rotazioni e consociazioni della solanacea, si dovrà effettuare una rotazione triennale, lasciando libero il terreno dove si sono coltivati i tuberi per i due anni successivi.

Fagioli, piselli, cavoli e girasoli sono le migliori colture da affiancare a quella di patate.

Malattie e parassiti della patata

La coltura di patata fa gola a moltissimi insetti e parassiti quali gli afidi, il grillotalpa, la dorifora e la tignola della patata. Gli insetti possono essere rimossi manualmente o ricorrendo a rimedi biologici al 100 percento, quali macerati di ortica, preparati a base di propoli o aglio, Spinosad oppure utilizzando delle trappole (nel caso del grillotalpa).

Per quanto riguarda le patologie, invece, queste possono insorgere specialmente a causa di mancato drenaggio del suolo o ristagno dovuto ad eccessiva annaffiatura. Si parla di malattie, quindi, come la già citata peronospora (da debellare con il rame), il "mal de pè", il fusarium o la malformazione dei tuberi. Si può, tuttavia, assistere anche ad un attacco della coltura da parte della scabbia della patata, fisiopatia causata dalla mancata idratazione del suolo.

Proprietà della patata

Oltre ad essere deliziose in ogni loro "forma", le patate sono ricche di carboidrati complessi e fonte inesauribile di vitamina C, pro-vitamina A, acido folico, fibre, niacina, potassio e zinco. I tuberi non contengono glutine, lattosio o istamina: sono dunque indicati per i celiaci, mentre sono da evitare in caso di diabete mellito. 

Valori nutrizionali della patata (x 100 gr)

  • Calorie 80 
  • Proteine 2,1 g
  • Carboidrati 18 g
  • Zuccheri 0,4 g
  • Grassi 0,1 g
  • Fibra 1,6 g


Domande e commenti: