Segui la nostra pagina FACEBOOK per rimanere sempre aggiornato sulle novità INOLTRE avrai 5 semi in omaggio con il primo aquisto.

Semi mais nero Visualizza ingrandito

Semi mais nero

Nuovo prodotto

Il mais nero potrebbe sembrare una mutazione genetica, ma non è cosi, nell’antichità è stato molto utilizzato; sono stati rinvenuti reperti storici antichissimi di almeno 2500 anni nel Perù e nella cultura Mochica.

Maggiori dettagli

Questo prodotto non è più disponibile

1,50 € tasse incl.

Dettagli

Il mais nero potrebbe sembrare una mutazione genetica, ma non è cosi, nell’antichità è stato molto utilizzato; sono stati rinvenuti reperti storici antichissimi di almeno 2500 anni nel Perù e nella cultura Mochica.

Fino a poco tempo fa non era molto utilizzato ma è stato da poco riscoperto e viene utilizzato nelle grandi industrie alimentari  per dare colore ad alimenti e bibite.

Proprietà:

Il pigmento nero-blu è un antiossidante naturale, oltre che a prevenire l’invecchiamento della pelle aiuta nella prevenzione di molte patologie.

Coltivazione:

La coltivazione di questo prodotto non è particolarmente difficile, bisogna adottare soltanto alcune accortezze ad esempio bisogna mettere a seminare i semi quando le temperature di notte non scendono sotto i 10 C°, nei primi caldi di Marzo va bene, ricordate da tenere nella delicata fase di germinazione i sementi vicino ad un posto caldo, come sopra il modem, vicino al camino se siete attrezzati nel classico semenzaio.

Durante il primo periodo di crescita per svilupparsi hanno bisogno di luce, esponete i vasetti nel davanzale della finestra, sul balcone o nel giardino.

Quando la piantina raggiunge l’altezza di circa 20CM è possibile piantarla direttamente a terra o in un vaso più grande, ricordate di non danneggiare le radici, dobbiamo esportare anche la zolletta di terra.

La terra o il terriccio deve essere di ottima qualità ricco di nutrienti per garantire una crescita forte e virile.

Recensioni

Scrivi una recensione

Semi mais nero

Semi mais nero

Il mais nero potrebbe sembrare una mutazione genetica, ma non è cosi, nell’antichità è stato molto utilizzato; sono stati rinvenuti reperti storici antichissimi di almeno 2500 anni nel Perù e nella cultura Mochica.