Segui la nostra pagina FACEBOOK per rimanere sempre aggiornato sulle novità INOLTRE avrai 5 semi in omaggio con il primo aquisto.

semi cetriolo cucamelon Visualizza ingrandito

semi cetriolo cucamelon

Nuovo prodotto

Frutto tropicale, ha la grandezza di un chicco d'uva e un sapore di cetriolo. Molte persone potrebbero pensare che sia frutto di una mutazione genetica ma non è cosi. Veniva coltivato dalle comunità indigene migliaglia di anni fa ed ora viene coltivato nei boschi del Messico e dell'America centrale.

Maggiori dettagli

Questo prodotto non è più disponibile

1,00 € tasse incl.

Dettagli

Frutto tropicale, ha la grandezza di un chicco d'uva e un sapore di cetriolo. Molte persone potrebbero pensare che sia frutto di una mutazione genetica ma non è cosi. Veniva coltivato dalle comunità indigene migliaglia di anni fa ed ora viene coltivato nei boschi del Messico e dell'America centrale.

Il primo a descrivere questo bizzarro frutto è il famoso botanista Victor Naudin, nel 1866.

Il gusto è davvero unico, si avvicina al centriolo. E possibile dove avete un piccolo spazio, va bene anche nel terrazzo dato le sue piccole dimensioni.

Coltivazione

La coltivazione risulta semplice, la pianta è robusta e non necessita di grandi quantità di acqua. E' possibile mettere a germinare i semi nei primi caldi di Marzo per avere dei frutti succulenti da gustare in compagnia verso la fine dell'estate. Ricordiamo che per una corretta crescita bisogna utilizzare un tutore che sorregga i rami.

Riponetelo in uno spazio soleggiato con terreno fertile.

Degustazione

E' possibile mangiarlo come aperitivo, è spesso utilizzato per fare cocktail particolari e nelle insalate, dato la sua colorazione variopinta che ricorda molto un anguria è possibile fare piatti a vostro piacimento sbalordendo gli amici più cuorisi.

Recentemente viene lavorato sotto aceto.

Recensioni

Scrivi una recensione

semi cetriolo cucamelon

semi cetriolo cucamelon

Frutto tropicale, ha la grandezza di un chicco d'uva e un sapore di cetriolo. Molte persone potrebbero pensare che sia frutto di una mutazione genetica ma non è cosi. Veniva coltivato dalle comunità indigene migliaglia di anni fa ed ora viene coltivato nei boschi del Messico e dell'America centrale.