Catalogo

Info Utili

#Like #DiavoloPiccante Click sul bottoncino like per restare sempre aggiornato sulla maturazione dei peperoncini inoltre avrai 5 semi in omaggio sul primo acquisto.

Marketplace: Stiamo proponendo l'eccellenza italiana nel mondo con un marketplace, sei dei nostri? E' Gratis fino a 500€ al mese di vendite. Clicca qui per info:> www.ItalianPrice.com

Condividi su facebook cliccando qui e sblocca il codice sconto SOCIAL10 - 10% di sconto da utilizzare in cassa

Cetriolo

Freschissimo, gustoso, nutriente e leggero: tutte queste qualità ed altre ancora appartengono al cetriolo, ortaggio appartenente alla famiglia delle cucurbitacee, presente in natura nel classico formato allungato e nel più piccolo e stuzzicante cetriolino, spesso consumato sotto aceto.

In alcune aree dell'Italia settentrionale il cetriolo è noto con il nome di cocomero: un epiteto non casuale, dato che con il succoso frutto estivo condivide la particolarità di essere ricco d'acqua.

Indice

La pianta di cetriolo

Appartenente alla stessa famiglia di pomodori, melone e zucca - ovvero quella delle cucurbitacee - il cetriolo (Cucumis sativus) è un ortaggio originario dell'Asia orientale e meridionale. La pianta del delizioso ortaggio è di tipo strisciante o rampicante, mentre il cetriolo è esteticamente simile ad una zucchina e presenta una polpa bianca succosa dal sapore leggermente acidulo e con i semi al suo interno. 

Il cetriolo è perfetto all'insalata, da solo oppure associato ad altri ortaggi.

Come seminare cetriolo

La semina del cetriolo può essere tranquillamente avviata in semenzaio, perché i semi hanno bisogno di temperature miti per germinare correttamente. Una germinazione protetta può essere avviata tra febbraio ed aprile, procedendo ad un trapianto delle colture da aprile a giugno in orto.

Nel frattempo, si potrà procedere alla lavorazione dell'appezzamento scelto per la semina: il suolo andrà lavorato con vanga e zappa e successivamente concimato con farine di roccia, alghe e cenere di legna da aggiungere al compost o letame maturo. 

Le piantine nate in semenzaio andranno poste a 50 cm di distanza l'una dall'altra su file distanti tra loro almeno 100 cm.

Come coltivare cetriolo

Le piantine di cetriolo possono tranquillamente essere gestite in vaso così come in orto.

In entrambi i casi è importante ricordare che la cucurbitacea ama il sole: è dunque importante prediligere terreni ben esposti alla luce solare, in modo da consentire alla coltura di crescere forte e rigogliosa.

Le piante di cetriolo andranno sarchiate e pacciamate periodicamente per evitare l'aggressione delle erbacce. Altro aspetto da considerare è quello legato all'irrigazione: il cetriolo necessita di tantissima acqua per produrre ortaggi succosi, ma bisogna fare attenzione al ristagno idrico.

La raccolta del cetriolo è prettamente estiva; l'ortaggio va raccolto e consumato parzialmente acerbo, prima che invecchi e diventi giallognolo.

Quali accorgimenti adottare per il cetriolo

La pianta di cetriolo avrà bisogno di sostegni per crescere bene e non spezzarsi: via libera, quindi, a recinzioni e pali per consentire alle colture una sana arrampicata!

Altro aspetto da non trascurare quando si coltivano cetrioli riguarda la potatura: la cucurbitacea va cimata sotto la quinta foglia del fusto principale.

Malattie e parassiti del cetriolo

Una sapiente opera di prevenzione - in particolare, una corretta attuazione delle rotazioni colturali (la coltura del cetriolo non va gestita sullo stesso suolo per almeno quattro anni, né deve seguire quella di altre cucurbitacee) - può in genere scongiurare l'insorgenza di patologie dannose per il cetriolo, quali botrite e virus del mosaico, che comunque possono essere contrastate tramite rimedi biologici che vanno dal sapone di Marsiglia all'Azadiractina

Il cetriolo fa gola anche a diversi insetti, come ragnetti rossi o mosche bianche, da allontanare con macerati vegetali al cento percento. 

Proprietà del cetriolo

Il cetriolo è un ortaggio buonissimo, praticamente privo di calorie; al contrario, il "frutto" principe dell'estate vanta una considerevole quantità d'acqua, di vitamina C e di sali minerali quali sodio, potassio, calcio e fosforo, nonché di amminoacidi. Tali principi nutritivi lo rendono un alleato validissimo non solo in ambito dietetico, ma anche estetico. 

Il cetriolo è ottimo in caso di pelle stressata dall'esposizione solare, come prodotto astringente ma anche per nutrire le pelli secche. Unico neo dell'ortaggio è che potrebbe risultare indigesto soprattutto per i più piccoli: va consumato, quindi, con attenzione.

Valori nutrizionali del cetriolo (x 100 gr)

  • Calorie 14 
  • Acqua 96,50g
  • Carboidrati disponibili 1,80g
  • Zuccheri 1,80g
  • Proteine 0,70g
  • Grassi 0,50g 
  • Sodio 13mg
  • Potassio 140mg
  • Ferro 0,30mg
  • Calcio 16mg
  • Fosforo 17mg
  • Vitamina B1 0,02mg
  • Vitamina B2 0,03mg
  • Vitamina B3 0,60mg
  • Vitamina C 11mg


Domande e commenti: