Catalogo

Info Utili

#Like #DiavoloPiccante Click sul bottoncino like per restare sempre aggiornato sulla maturazione dei peperoncini inoltre avrai 5 semi in omaggio sul primo acquisto.

Marketplace: Stiamo proponendo l'eccellenza italiana nel mondo con un marketplace, sei dei nostri? E' Gratis fino a 500€ al mese di vendite. Clicca qui per info:> www.ItalianPrice.com

Condividi su facebook cliccando qui e sblocca il codice sconto SOCIAL10 - 10% di sconto da utilizzare in cassa

basilico.jpg

Basilico

Il basilico, chiamato tecnicamente in botanica Ocymum basilicum, è una pianta erbacea di origini asiatiche coltivata oggi in tutto il mondo e nel nostro Paese dove è molto diffusa, utilizzata molto spesso nelle ricette mediterranee. Dal gusto ricco e speziato, il basilico non è solo buono, ma è anche salutare per l'organismo.

Indice

La pianta di basilico

Il basilico è una pianta perenne, che teme però il freddo. Temperature sotto i 10 C° ne causano, infatti, il deperimento. L'aromatica è un cespuglio che può raggiungere anche i 60 cm, le foglie hanno invece una forma lanceolata con un colore che varia dal verde chiaro acceso al viola dalle dimensioni variabili, da 2 fino a 5 cm di lunghezza totale. Esistono moltissime varietà, tutte che si “assomigliano” tra loro, cambia soltanto la forma delle foglie e il sapore, la coltivazione resta identica per tutte le varietà.

Tra le varietà più note di basilico, annoveriamo:

  • Basilico comune: Caratterizzato da foglie grandi, molto aromatiche, la varietà più diffusa in Italia.
  • Basilico greco: Caratterizzato da foglie più piccole e lanceolate, molto rustico.
  • Basilico tailandese: Caratterizzato da un aroma molto forte, con note aromatiche di menta e liquirizia.
  • Basilico lattuga / basilico napoletano: Caratterizzati da foglie molto grandi con delle bolle, anche questo è molto usato in Italia.
  • Basilico porpora messicano: Caratterizzato da foglie rosso scuro con aroma fruttato, utilizzato per produzione di un particolare pesto e a scopo decorativo.
  • Basilico genovese: Caratterizzato da foglie piccole e un aroma molto delicato, è il più famoso ed utilizzato per la produzione del famosissimo “pesto alla genovese”.

Come seminare basilico

La semina e la coltivazione del basilico sono piuttosto semplici da gestire sia in terra che in vaso: tale qualità rende l'aromatica appartenente alla famiglia delle lamiacee una delle piante più coltivate dagli italiani.

Il basilico germoglia con temperature comprese tra i 15-20 C°: per questo è sconsigliata una semina diretta in campo aperto, mentre è preferibile avviare la germinazione in semenzaio, anche per anticipare i tempi di semina. Non bisogna fare altro, dunque, che seminare e tenere sempre il terriccio molto umido fin quando non spuntano i primi germogli che se ben curati diverranno bellissime piantine.

altro aspetto rilevante, specialmente se si decide di optare per una semina diretta in orto è la lavorazione dell'appezzamento scelto per la semina. Il suolo dovrà possedere un fortissimo potere drenante (il basilico va annaffiato spesso, ma teme il ristagno idrico), dovrà essere ben concimato e lavorato con vanga, zappa, rastrello. Non mancheranno pratiche consuete di tutela della pianta, come la pacciamatura.

Come coltivare basilico

E’ importante tenere le piante di basilico al caldo ma non sotto il sole diretto, specialmente nei mesi più caldi e negli orari da afa, ma tenerle in penombra, in un posto con un buon ricircolo di aria.

Basterà concimare il terreno o il terriccio periodicamente con fertilizzanti ricchi di sostanze nutritive, annaffiare la pianta spesso senza però creare ristagni e in poco tempo le prime foglie di basilico saranno pronte per essere colte e per accompagnare qualche ottimo piatto in cucina!

  • Famiglia e genere: Lamiaceae, Ocimum basilicum
  • Tipo di pianta: Erbacea annuale
  • Esposizione: Sole, mezz’ombra
  • Rustico: Non rustico
  • Terreno: Ricco
  • Irrigazione: Abbondante
  • Concimazione: Periodica con concimi liquidi o granulari
  • Moltiplicazione: Seme
  • Periodo di raccolta: Da aprile a ottobre

Esposizione della pianta

Ottobre-Marzo: Coltivazione in serre riscaldate o in casa, locale luminoso

Da Marzo a Giugno: Semina scalare

Da Aprile a Giugno: Cimatura, pulizia degli apici, raccolta delle foglie

Settembre-Ottobre: Eventuale raccolta dei semi

Novembre: Esaurimento delle piante

Quali accorgimenti adottare per il basilico

Il basilico è una coltura annuale, ma può accadere che anche nelle zone d’origine possa seccarsi all’arrivo del freddo; in estate, inoltre, la lamiacea ricomincia a produrre i fiori che quando appassiscono lasciano posto ai semi. E’ il ciclo naturale della pianta, che può essere evitato tagliando i rami che fioriscono, in modo tale da consentire alla pianta di produrre le foglie profumate ed aromatiche.

Se si desidera raccogliere i semi, non bisogna fare altro che rispettare il ciclo naturale della pianta, tenendo bene a mente però che quando la pianta fiorisce le foglie presentano una “qualità minore” rispetto alla mancata fioritura del basilico.

Le foglie una volta staccate tendono a deperirsi rapidamente, per questo è consigliabile staccare dalla pianta solo quelle che vengono utilizzate subito. Se invece le circostanze spingono a staccarle tutte, queste si possono porre in frigorifero per farle mantenere maggiormente o, migliore opzione, congelarle.

Malattie e parassiti del basilico

Il basilico è una pianta delicata, che teme malattie e parassiti di vario genere. Le più frequenti sono:

  • Marciume radicale: è causato dalle eccessive irrigazioni e ristagni d’acqua, si consiglia di utilizzare substrati ben drenanti.
  • Tracheofusariosi: gambo scuro, quasi nero, si previene con le giuste cure quotidiane delle piante.
  • Peronospora: Si cura con prodotti a base di metalaxyl.

Proprietà del basilico

Il basilico ha proprietà benefiche, utili per allievare i sintomi e in alcuni casi curare varie patologie quali ad esempio antispasmodiche, antiinfiammatorie, stimolanti.

Tra i nutrienti contenuti in ogni fogliolina della profumata pianta aromatica si annoverano la preziosissima vitamina K, la vitamina C, il rame e il manganese. Non mancano, inoltre, magnesio e vitamina A. Tutti questi importanti elementi rendono la pianta di basilico perfetta per contrastare la crescita di batteri dannosi per l'organismo (come, ad esempio, lo Stafilococco), l'aumento dei radicali liberi e per proteggere il sistema cardiovascolare.

Valori nutrizionali del basilico (x 100 gr)

  • Calorie 22
  • Grassi 0,6 g
  • Acidi grassi saturi 0 g
  • Acidi grassi polinsaturi 0,4 g
  • Acidi grassi monoinsaturi 0,1 g
  • Colesterolo 0 mg
  • Sodio 4 mg
  • Potassio 295 mg
  • Carboidrati 2,7 g
  • Fibra alimentare 1,6 g
  • Zucchero 0,3 g
  • Proteine 3,2 g


Domande e commenti: