5 semi in OMAGGIO se metti mi piace ed entri a far parte della più grande community del peperoncino.

peperoncini secchiIl peperoncino, come tutti i frutti quando sono maturi e vengono staccati dalla pianta madre hanno una durata limitata, che varia a secondo delle condizioni climatiche e da come si conserva.

Come essiccare il peperoncino piccante?

I metodi di conservazione sono svariati, ma se stiamo leggendo questa guida significa che vogliamo essiccarlo, andiamo a vedere quali e quanti sono i metodi di essiccazione, l'occorrente e come procedere.


Appendere i peperoncini:

Questo metodo non è velocissimo ma è uno dei sistemi per essiccare il peperoncino più utilizzato dai nostri nonni, quanti di voi hanno visto a casa loro mazzetti di peperoncini legati con uno spago e appesi con un chiodo al muro per molti mesi?

E' molto semplice, procurati del filo e un ago e inizia a legare i peperoncini dal picciolo, ovvero la parte superiore del rametto della pianta rimasta attaccata al peperoncino.

Ora appendili in una stanza ben ventilata e asciutta, se c'è troppa umidità possono nascere muffe, per almeno 3 settimane.


Essiccarli al sole:

Il metodo consiste nel "cuocere" i peperoncini con i raggi solari, è molto efficace ma bisogna avere delle accortezze in quanto ci vogliono almeno 3-4 giorni, assicurati che c'è molto sole, poche nuvole, fa tanto caldo e l'umidità è bassa, aiutati con le previsioni metereologiche e appena hai trovato i giorni buoni procedi con la restante guida.

Taglia i peperoncini a metà, verticalmente, rimuovi i semi e posizionali su una teglia da forno con la pelle rivolta verso l'alto all'esterno (giardino, balcone) oppure su un davanzale per almeno 8 ore girandoli di tanto in tanto.

Al tramonto coprili con un panno per evitare insetti fastidiosi. La mattina seguente lasciamoli seccare ancora, girali ogni 2-3 ore, tutto questo per almeno 3-4 giorni fino a raggiungere il punto di essiccatura desiderato.


Essiccarli al forno:

Il metodo consiste nel fare seccare i peperoncini nel forno di casa, è molto veloce ed efficace ma non tutti lo prediligono perchè non è una essiccazione "naturale" ed è diversa se lasciati al sole o appesi.

Noi non ci sbilanciamo, è soltanto una questione di gusto e preferenze!

Taglia i peperoncini verticalmente su una teglia da forno con la pelle rivolta verso l'alto, intanto preriscalda il forno a 75-80 °C, se è ventilato bastano 40-50 °C.

Quando il forno è arrivato a temperatura metti la teglia con i peperoncini all'interno e lasciali cuocere per almeno 6-8 ore con lo sportello leggermente aperto in modo che l'umidità possa uscire, girandoli ogni tanto.

Considera che il tempo di cottura varia a secondo della dimensione del peperoncino, quindi controllali ogni tanto e appena viene raggiunto il punto di essicazione desiderata lasciali freddare all'esterno e conservali.

I peperoncini essiccati e conservati in barattoli posti in luoghi freschi e asciutti durano anni!

Le lavorazioni con il peperoncino fatele all'esterno, utilizzando indumenti protettivi come guanti, mascherina e occhiali.

Durante le lavorazioni non toccate telefoni cellulari e altri oggetti, poichè la capsaicina verrà lasciata in tutte le cose che toccate, se per sbaglio toccate occhi o mucose ad esempio sono dolori.

I danni del peperoncino non sono permanenti (ad esempio se ci tocchiamo involontariamente un occhio) ma possono farvi passare un "brutto quarto d'ora"!

In caso di contatto con occhi lavare subito abbondantemente con acqua a temperatura ambiente, per almeno 4-5 minuti, se il bruciore persiste consultare un medico.

Meglio prevenire che curare, utilizzate sempre guanti di protezione quando avete a che fare con quantità considerevoli di peperoncino.

test


Commenti