5 semi in OMAGGIO se metti mi piace ed entri a far parte della più grande community del peperoncino.

Indice


Guida alla preparazione dei peperoncini ripieni con tonno

Viene chiamato così il peperoncino ciliegia grazie al suo stuzzicante sapore piccantino. Piatto tipico della Puglia e della Calabria, si sta rapidamente diffondendo in tutto lo Stivale: lo si ritrova in molte bancarelle dei mercati italiani, ma la versione fatta in casa è più sana ed economica, dato che permette di risparmiare almeno un quarto della spesa.
Non solo buono da mangiare, ma anche da mettere sotto l’albero; con un po’ di fantasia, il barattolo può diventare un’idea regalo innovativa e sostenibile!

Ingredienti per due barattoli medi

  • 500 gr di peperoncini ciliegia (o baci di Satana)
  • 100 gr di tonno sott’olio
  • 1 manciata di capperi sotto sale o in salamoia
  • 3 o 4 filetti di alici
  • ½ litro di aceto di vino bianco
  • Sale
  • Olio extravergine d’oliva
  • Olio di semi di girasole

Procedimento

Iniziamo selezionando i peperoncini, scartando quelli che risultano molli, spaccati o comunque danneggiati. A questo punto, lavateli e privateli del picciolo e dei semi interni, facendo attenzione a non rovinarli per non perdere successivamente il ripieno. Se volete ottenere una piccantezza più spiccata potrete lasciare qualche semino.
Intanto avrete fatto bollire mezzo litro d’acqua con mezzo litro d’aceto di vino bianco e un cucchiaio di sale grosso; quando l’acqua avrà raggiunto il bollore, si potranno inserire i peperoncini, per non più di due minuti, per non farli ammorbidire troppo. Passato il tempo necessario, scolateli e riponeteli su canovaccio con la parte aperta verso il basso, in modo che scoli bene tutta l’acqua. A questo punto lasciateli tutta la notte (8 o 10 ore) a riposo.
Nel frattempo potrete preparare il ripieno, mettendo nel mixer il tonno sott’olio ben sgocciolato, i capperi e le alici. Mixate finché gli ingredienti non si saranno amalgamati, ma senza creare una mousse (basteranno 3 o 4 secondi).
Quando i peperoncini saranno pronti, inseritevi il ripieno che avete preparato, aiutandovi con un cucchiaino o con una sac à poche, cercando di pressare bene ed evitando di lasciare parti vuote: l’aria potrebbe rendere i peperoncini troppo acidi.
Preparate poi un mix di olio extra vergine d’oliva e olio di semi di girasole, in parti uguali, e riempite i vasetti, senza lasciare bolle d’aria, sbattendo il vasetto da sotto. Per un migliore effetto estetico, è possibile inserire nel vasetto qualche cappero.
Conservate i vasetti in un luogo asciutto e buio e fate così riposare i vostri peperoncini per circa un mese. Quando li aprirete, controllate che la capsula del barattolo non sia gonfia, e che si sia quindi mantenuto il sottovuoto.

Consigli utili

- Mentre pulite i peperoncini e li private dei semi, può essere utile indossare guanti in lattice e una maschera protettiva per bocca e naso. Infatti questi peperoncini sono molto piccanti, e potreste anche riportare delle ustioni sulle mani!
- Ogni qual volta decidiate di conservare del cibo in barattoli di vetro per lungo tempo, è sempre meglio sterilizzarli. Per un buon risultato, basterà mettere i vasetti in acqua bollente per una decina di minuti.
- Per il ripieno esistono molte versioni: quella presentata è la più diffusa, ma è molto in voga anche quella con tonno e olive nere, che presenta un sapore più delicato.

Buon appetito!


Commenti